Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza e i nostri servizi. Se continui a navigare o clicchi sul tasto OK, accetterai l'uso di tali cookies.

DICONO DI NOI

Pietro Salati da "Quaderni Ticinesi No. 10 - Grotti Cantine e Canvetti del Luganese"

...."Prima di Pazzallo si incontra quello che per Paradiso fu e rimane il grotto per antonomasia. Infatti, fortunatamente, il "Grotto Morchino" in fondo ad una grotta di verde dove anche d'estate si può rabbrividire, continua imperterrito a sfidare le mode traditrici con immutato spirito".....

Luigi Bosia (gastronomo) dalla rubrica gastronomica "Abbiamo mangiato a...." ILLUSTRAZIONE TICINESE maggio 2002

Questo è il tipico grotto, uno dei pochi, nel Luganese, che ha diritto a chiamarsi "grotto" ......... Qui, ovviamente, niente "fast food" ma solo piatti della tipica cucina ticinese (o lombarda che dir si voglia).

Osterie d'Italia

Da più di 10 anni il Grotto Morchino è presente su "Osterie d'Italia", la rinomata guida dedicata a i locali tipici che propogono una cucina legata al territorio in un ambiente caratteristico e a prezzi ragionevoli
Dal 2017 Osterie d'italia ha deciso di non più contemplare i locali del Canton Ticino.

Dalla rivista gastronomica "Kochen" giugno 2002

Diesen Sommer lohnt es sich, im Tessin aus Anlass des 125. Geburtstags auf Hermann Hesses Spuren zu wandeln. Kulinarisch im historischen Grotto Morchino in Pazzallo (an der Strasse Lugano Paradiso - Carona): Hier labte sich der Dichter unter Kastanienbäumen am kühlen Wein aus dem Felsenkeller. Heute serviert der charmante Besitzer Pier-Luigi Olgiati authentische Tessiner Küche von Brasato über Risotto bis zu einem traumhaften Kastaniendessert.

La guida gastronomica "Osterie d'Italia" edizione 2003(pag. 95)

Molto varie le proposte di questo grotto (caro a Herman Hesse), tutte di ispirazione casalinga. I piatti assecondano le stagioni, come i vari risotti (alle castagne, grappa e luganighetta, porri e rosmarino). Alla selvaggina è dedicato l'intero mese di ottobre. Poi funghi, polenta con brasato, stinco o coniglio. In primavera, asparagi. Al giovedì in lista compaiono le rane (con riso o polenta), al venerdì, le lumache e gli gnocchi fatti in casa. Buona selezione di salumi e formaggi locali. Tra i dessert, torte, crème caramel e rotolo di castagne. Nella bella stagione si mangia all'aperto, al cospetto del suggestivo locale, sapientemente restaurato. La cantina privilegia il Merlot Ticino e altri vini locali, assieme ad alcune etichette italiane.

STAN Società Ticinese per l'Arte e la Natura

La STAN, già Società ticinese per la conservazione delle bellezze naturali e artistiche, si congratula con voi per l'eccellente lavoro di restauro del grotto Morchino. L'attenzione posta nella conservazione delle peculiarità della costruzione, nel restauro dei serramenti originali, nel mantenere il più possibile l'aspetto che il grotto aveva, meritano la nostra attenzione e sono degni di essere segnalati quale esempio di attenzione ai valori dell'architettura caratteristica del nostro paese. La cucina proposta, rispettosa delle tradizioni, e l'ambiente offerto, riescono a superare l'insidia di un folclorismo deteriore, di facciata, così sovente falsato nei contenuti. ............

Hermann Hesse "L'ultima estate di Klingsor" nel capitolo intitolato "Il giorno di Carena" 1919

.....Si trovò il grotto, nell'erta foresta montana su una stretta terrazza panche di pietra e tavolini nel buio degli alberi; dalla cantina scavata nella roccia l'oste recò il vino fresco; anche il pane c'era........Dalle azzurrognole tazze, simbolo della caducità, salivano i variopinti incantesimi che mutavano il mondo e tingevano stelle e lumi ...........

Frankfurter Allgemeine Zeitung giovedì 22 agosto 2002

Schweizer Familie del 25 settembre 2003

Als Hermann Hesse 1919 nach Montagnola kam, wurde dieses Grotto zu einem seiner liebsten Orte. Später stand es aber über 20 Jahre leer, bevor Pierluigi Olgiati die Tradition (seit 1842 in Familienbesitz) fortsetze und nach behutsamer Renovation vor drei Jahren das Dornröschen-Grotto wieder eröffnete - Blätterwald im grünen Blätterwald, wo man auch mitten in Sommer angenehm frösteln kann.

Tessin geht aus edizione 2014/2015

Portale internet "The Travel Editor"

In un reportage su Lugano ecco che cosa scrive sul grotto Morchino:

Rustic

One of the most charming places to lunch is The GrottoMorchino, easily reachable by Bus (No 1, Paradiso direction, alight Via Calprino, then walk up Carona 200 metres, or one stop on the No 8) whichspecialises in local foods, in season, cooked traditionally. Their website details what's likely to be on offer every month of the year, as well as menus, but it doesn't capture the rustic charm of the place (Sunday lunch here on the terrace is recommended) or the warm welcome from the owner. On a cold winter's night a dish of Rognioni di Vitello was served with two kinds of polenta, normal mixed and black, and was delicious. Even better was a sensational Risotto Milanese, very often just a plate of uninspired yellow rice, but here packed with flavour and substantial. A local cheese, bouchon, was elevated from the simple to the sensational with the addition of oil and pepper.

The ‘Grotto' isn't a cave, by the way, but a place of local significance, where people could come to eat, drink and be merry. It's a traditional old building, with a wine cellar underneath and is fascinating to explore.

Tessin geht aus edizione 2014/2015

AFAR (guida turistica americana online)

Family-Style Ticino Dining at Grotto Morchino

At this hillside villa on a steep hillside above Lugano, the family of Pierluigi "Pier" Olgiati has been serving up meals of polenta, fish and other Swiss-Italian specialties since the early 1800s. These days, entering Grotto Morchino means you’ll almost certainly find the seven tables packed with locals, who come for tazzins of mezz e mezz—little cups of red wine mixed with Gazzosa, a local sweet soda. The menu changes with the seasons; dishes tend to incorporate pumpkin in the fall, morels in the spring—but the most reliably good choice is the brasato, or traditional beef roast. If you can, grab a seat next to the 200-year-old windows, and wait for Pier to wander your way and chat you up. He treats the place as his living room, which isn't too far from the truth.

Ulrich Tukur al grotto Morchino

Ulrich Tukur

 

 

 

 

Ulrich Tukur il noto attore tedesco conosciuto al pubblico internazionale per film come Le vite degli altri di Florian Henckel von Donnersmarck, Solaris di Steven Soderbergh, A torto o a ragione di István Szabó, Amen. di Constantin Costa-Gavras e John Rabe in cui interpreta la parte del protagonista.
Ha apprezzato particolarmente l'atmosfera e la cucina del grotto Morchino e di tanto in tanto ci viene a trovare.
Una persona molto cordiale, simpatica e ricca di humor (notate l'anno scritto alla fine della dedica 1913 invece di 2013)